Italien IT

I germi nelle case di cura: la disinfezione aiuta contro il pericolo invisibile

2011-20-05

XIBU senseDISINFECTUtilizzo di hupSalviette hup
Che l’igiene delle mani sia importante lo sappiamo fin da bambini e ce lo ricordiamo spesso: “dopo il bagno, e prima di mangiare, di lavarti le mani non dimenticare”.

In questo modo rimuoviamo dalle mani l’80 % dei germi, ma il resto dei batteri e virus rimangono sulla pelle. Questi possono poi facilmente essere trasmessi ad altre persone e oggetti, e negli anziani, con sistema immunitario debole, possono causare infezioni. Per questo la disinfezione nelle case di cura è un tema importante e fondamentale. Come si deve procedere? Per agire in modo corretto è necessario conoscere le procedure necessarie e creare e diffondere consapevolezza sui pericoli che la trasmissione dei germi rappresenta.

Igiene significa mantenimento della salute e protezione dalle malattie. Il livello di importanza che ha oggi la disinfezione lo vediamo dalla diffusione di virus come ad esempio i Norovirus  (responsabili della dissenteria) o del virus dell’influenza suina H1N1. I maggiori contatti tra le popolazioni, derivanti dalla maggiore mobilità, spesso è la causa principale della diffusione di germi di questo tipo.

La disinfezione deve essere semplice. Una disinfezione regolare, eseguita in modo piacevole, può ottenere un elevato standard di igiene nelle strutture di cura, e quindi proteggere la vita delle persone.

E’ di fondamentale importanza fare molta attenzione alle vie di trasmissione dei germi. I sistemi immunitari indeboliti degli anziani nelle strutture di cura sono ovviamente più esposti alle infezioni rispetto a quelli dei giovani e in queste strutture la salute degli ospiti non deve essere ulteriormente minacciata da mani e oggetti portatori di germi.

Generalmente i batteri e i virus entrano in contatto con il corpo attraverso le mani e gli oggetti condivisi, come ad esempio i carrelli per medicazioni o le fasce per la misurazione della pressione. Per questo motivo la disinfezione delle mani, degli ospiti, del personale di cura e addetto alla pulizia, ma anche dei visitatori, ha una grande importanza. Solo in questo modo è possibile garantire una sicurezza igienica per tutti i soggetti che vivono la struttura di cura. La trasmissione dei germi viene arginata e i pericolosi virus e batteri esterni alla struttura non vengono introdotti all’interno. Gli ospiti si sentono meglio e rimangono più sani.

Siccome i germi vengono trasmessi anche attraverso gli strumenti di pulizia, è necessaria anche una semplice ed efficace disinfezione delle superfici degli apparecchi e degli oggetti. Usando fazzoletti monouso con contenuto alcolico è possibile disinfettare facilmente le superfici, senza doversi preoccupare del tempo di posa e della concentrazione. Dopo la disinfezione i fazzoletti vengono smaltiti e con essi anche i germi vengono eliminati. Anche per del personale senza esperienza la disinfezione con questo tipo di prodotti è molto semplice.

In futuro la disinfezione verrà eseguita senza contatto, il che offrirà un elevato comfort di utilizzo. La cosa più importante è che i germi non possano essere trasmessi ai dispenser, agli oggetti e quindi poi ad altre persone. Inoltre c’è la possibilità di montare gli apparecchi di disinfezione praticamente ovunque, ad esempio sul carrello delle pulizie, oppure di posizionarli su piedistalli.